Chiang Mai e Chiang Rai

Tour nella Thailandia del Nord.

0
811
Giorno 1

Lasciato il nostro resort galleggiante di Kanchanaburi, siamo pronti per ripartire per una nuova avventura. Passeremo 4 giorni nella Thailandia del Nord, tra Chiang Mai e Chiang Rai. Templi, mercati tipici e simpatici animaletti faranno da sfondo a questa meravigliosa esperienza! 

Arrivati al nostro hotel, il “Dusit Princess“, dopo circa un’ora e mezzo di volo da Bangkok, veniamo subito accolti da personale gentilissimo che in poco tempo ci accompagna in camera per riporre i nostri bagagli.

Dusit Princess, Chiang Mai.
Dusit Princess, Chiang Mai.

Pensavate che ci saremmo rilassati un pò?! Eh no, non è da noi!!! La nostra guida è già nella hall che ci aspetta per iniziare la visita ai templi più importanti. Ma prima ci imbattiamo in coloratissimo mercato tipico dove assaggiamo vari frutti molto deliziosi!

 Tra i tanti templi ricordiamo il Wat Suan Dok, il Wat Phra Singh, il Wat Chedi Luang, un tempio vecchio, e il Wat Ched Yod. Tutti molto imponenti, molto maestosi, con tante decorazioni color oro e colori vivaci. Le regole da osservare per visitarli sono soltanto tre: togliersi le scarpe prima di entrare, avere gambe e spalle coperte, soprattutto le donne, e munirsi di qualche spicciolo per le offerte.

Giorno 2

Quello che più ci ha colpiti però, è stato il Wat Phra That Doi Suthep, luogo sacro per molti thailandesi dove si trova il gong più grande del mondo e si può suonare!!!

Gong più grande del mondo.
Gong più grande del mondo.

Si trova a 15 km da Chiang Mai e fu costruito intorno al 1386, durante il regno del Re Kuena. Secondo una leggenda, un monaco porse al Re un osso dalle proprietà magiche appartenuto a Buddha. Il Re legò l’osso sul dorso di un elefante bianco lasciandolo libero nella giungla. Dopo vari giorni l’elefante morì sul monte Doi Suthep e proprio in quel punto venne eretto il tempio.

Elefante bianco
Elefante bianco.

Arrivati, o si sceglie di salire i 309 scalini fiancheggiati da muretti a forma di serpenti, o si può prendere una funivia del costo di 40 bath.

Scalini per raggiungere il tempio.
Scalini per raggiungere il tempio.

L’entrata, a meno che non abbiate programmato un tour guidato, costa 30 bath e appena dentro vi ritroverete davanti un’enorme terrazza che affaccia sulla città. La vista è spettacolare foschia permettendo! Al centro della terrazza troviamo una stūpa, (ovvero il reliquiario dove vengono custoditi oggetti legati al Buddha) circondata da file di campane di diversa misura che i fedeli sono soliti suonare per buon auspicio, oltre a piccoli santuari, giardini e monumenti, tra cui una statua dell’elefante bianco. 

Tra venditori di oggetti sacri e statue di Buddha di ogni forma e misura, attraversiamo una porta con a lato due statue di Ganesh (divinità con il corpo di uomo e la testa di elefante) e ci ritroviamo davanti la grande stūpa d’oro.

Statua di Ganesh
Statua di Ganesh.
La grande stupa d'oro
La grande stupa d’oro.

Ecco il centro del Doi Suthep, dove numerosi fedeli pregano avendo in mano incenso e fiori di loto.

Bimba che prega
Bimba che prega.

Non mancano cassettine per le offerte di tanto in tanto il cui ricavato serve per la manutenzione degli edifici sacri, per sostenere i monaci e i loro studi. Qui si trova anche una copia del Buddha di smeraldo dato che l’originale si trova al Gran Palace a Bangkok.

Copia del Buddha di smeraldo.
Copia del Buddha di smeraldo.

Incantati da cotanta bellezza, ma è arrivato il momento di andare. La giornata è ancora lunga e la pancia brontola! Con un cambio di programma la nostra guida ci porta a pranzo al Tiger Kingdom. Il cibo ovviamente lascia a desiderare, ma se si mangia senza pensare, il sapore è buono!!!

Tiger kingdom
Tiger kingdom.

Tutti d’accordo, i ragazzi del nostro gruppo fanno i biglietti per entrare e stare a contatto con questi micioni! Perchè farsi scappare questa occasione?! Quando avremo la possibilità di vedere una tigre da così vicino?! Allora ecco che compriamo i biglietti e firmiamo facendo ricadere le responsabilità di qualsiasi cosa su di noi.

Biglietti per il Tiger kingdom.
Biglietti per il Tiger kingdom.

Facciamo la fila e dopo un pò arriva il momento di entrare nella gabbia. Le gambe tremano, il cuore batte forte, ma poi una volta dentro ci si rende conto dell’amara realtà. Questi animali così imponenti che si lasciano toccare e sembrano teneri gattini sono sedati. Alcuni sembrano stare meglio, altri sono stesi senza riuscire neanche ad aprire gli occhi. E’ davvero emozionante vedere le tigri così da vicino, ma un posto così andrebbe chiuso. Non è certo il modo giusto di tenere gli animali!

Usciti dal regno delle tigri ci dirigiamo in una fabbrica di orchidee dove ci spiegano un processo di conservazione di questi bellissimi fiori e subito dopo in una fabbrica di seta dove possiamo ammirare tutte le fasi della lavorazione di questo prezioso tessuto. 

Si sta facendo sera e dobbiamo ritornare. Riprendiamo il nostro pullman e una volta giunti in hotel, doccia e poi una tipica cena in stile kantoke con tutti gli amici del gruppo. Tutti piatti tipici accompagnati da vari spettacoli e danze.

Cena in stile Kantoke.
Cena in stile Kantoke.

Ritornati in hotel, visto che si trova proprio di fronte al Night Bazar, ci inoltriamo in questo mercato notturno tra le luci e i mille colori!

Giorno 3

Dopo una bella dormita, eccoci svegli e pronti con i nostri bagagli, per andare al Maetang Elephant Park. Oggi staremo a contatto con gli elefanti per la maggior part del tempo. Abbiamo assistito ad uno spettacolo bellissimo, elefanti che dipingono, che ballano o che giocano a calcio. Nonostante la grandezza sembrano bambini che si divertono! Chi ha mai avuto un bacio da un elefante?! Vi assicuro è come essere risucchiati da un’aspirapolvere!

Elephant Park
Elephant Park.

Dopo lo spettacolo ci attende una passeggiata a dorso di uno di questi pachidermi. Ancora una volta ci rendiamo conto che non bastano le canne da zucchero, le banane o tutto ciò che un elefante può mangiare durante il percorso.

Giro sull'elefante
Giro sull’elefante.

Questi animali sono molto affaticati, sembra che non riescano a reggersi in piedi. Purtroppo se non si finisce il giro non si può scendere, ma per fortuna il ragazzo che guida l’elefante cambia strada evitando l’attraversamento del fiume e quindi ulteriore fatica. Scendiamo dal dorso di questo povero animale e nel frattempo che la nostra guida cerca di rimettere insieme il gruppo ne approfittiamo per giocare un pò con gli elefanti. Li osserviamo mentre fanno il bagno o mentre sembrano prendersi in giro a vicenda. Quante emozioni che trasmettono attraverso quegli occhioni dolci! Un vero spasso! 

Una breve pausa pranzo e poi si riparte, stavolta con una long tail, per visitare il villaggio delle donne giraffa.

Usciti dal villaggio raggiungiamo il nostro hotel il “Dusit Island Resort” a Chiang Rai. E per concludere in bellezza una bella pizza con ananas e prosciutto in compagnia!

Giorno 4

Appena svegli, giusto una colazione molto veloce e si riparte. Oggi ci portano a visitare un tipico villaggio thailandese. Entriamo a contatto con la gente locale e con le loro abitudini, ma in particolare con i loro animali! E’ assurdo, anche qui tengono rinchiusi pitoni, anaconde, varani e altre specie per racimolare qualche soldo dai turisti che vogliono scattare qualche foto ricordo.

Raggiungiamo poi il Tempio delle scimmie. La guida ci consiglia di non avvicinarci troppo perchè sono molto aggressive. Sono tenute in libertà e sembrano abbastanza abituate alle persone e a rubare loro da mangiare!!! Molto furbe e veloci, non puoi neanche far finta di mettere la mano in borsa che ti circondano aspettando che gli lanci qualcosa! Che carine, soprattutto i cuccioli che le mamme non perdono di vista neanche per un nano secondo!

Lasciamo queste adorabili scimmiette e ci rechiamo al Wat Rong Khun White Temple per una visita veloce.

White temple
White temple.

E’quasi ora di pranzo ed è il momento di ritornare indietro per andare all’Imperial Golden Triangle Resort per mangiare qualcosa. Finito, ci godiamo la meravigliosa vista del Golden Triangle dal Wat phra that pu khao prima di prendere la barca e andare in cerca di qualche affare tra i mercatini in Laos

La nostra avventura tra Chiang Mai e Chiang Rai finisce qui ed è ora di ripartire per Bangkok.

Punteggio Medio : 5.0. Da 1 voto.
Per favore attendi...