Il mostruoso Carnevale di Putignano.

La sfilata dei carri.

834
Simpatiche pecore
Simpatiche pecore.

Da secoli, ormai, il Carnevale di Putignano tramanda tradizioni, maschere tipiche e personaggi caratteristici colorando le città di coriandoli e stelle filanti. Non mancano migliaia di turisti con tanta voglia di divertirsi e pronti a sfoggiare i loro costumi più insoliti! Non a caso è una delle attrazioni principali di Putignano, una festa adatta a grandi e piccini. Nessuno escluso! 

Tra gli eventi più importanti e rappresentativi, nonchè quello più atteso, c’è la sfilata dei carri allegorici. Enormi personaggi di cartapesta costruiti da maestri cartapestai esperti e soprattutto creativi. Ogni anno, si affronta una tematica sociale differente. Il tema del Carnevale di Putignano 2017 è stato la mostruosità nelle sue diverse eccezioni.

Eccoci qui alla 623esima edizione del Carnvale più antico d’Italia, ma con una piccola novità! Da quest’anno, infatti, si paga un biglietto di 5 euro per assistere alla sfilata, che si trasformeranno in 10 euro in alcune date previste dal programma.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Ingresso al Carnevale di Putignano
Ingresso al Carnevale di Putignano.

Entrati cerchiamo subito di farci spazio tra i tantissimi spettatori per ammirare questi giganti di carta pesta. Tra le tante esibizioni e tutte le persone in maschera ecco che inizia la sfilata…

Ribellione selvaggia (L’uomo: il vero mostro!)

Ribellione selvaggia
Ribellione selvaggia.

L’uomo, consapevole di essere superiore agli altri esseri, è il vero mostro. Viene quindi catturato e ingabbiato per preservare l’esistenza degli altri animali.

Mostruosa…mente umana

Mostruosa...mente umana
Mostruosa…mente umana.

Efferati omicidi, terrorismo, ingordigia e sete di potere, sono tutte espressioni della follia che la mente umana può generare. Una mente entrata in un labirinto nel quale non riesce a ritrovare la ragione. Ecco perchè la mostruosità è rappresentata dal Minotauro facendo riferimento al famoso mito del filo di Arianna.

Selfie della Gleba

Selfie della Gleba
Selfie della Gleba.

Uno smartphone ha reso anonimo l’essere umano che lo utilizza, omologandolo a comportamenti di massa, concedendogli l’unica libertà di scorrere le dita sul suo display e ingabbiandolo nella sua solitudine umana. Nella pratica del selfie egli cambia faccia mostrando ai social sempre il suo aspetto migliore. 

Mostruosa ignoranza

Mostruosa ignoranza
Mostruosa ignoranza.

Un bambino che, sorretto sempre più dalla voglia del sapere e dalla curiosità del conoscere, va contro gli stereotipi di un mondo ignorante dominato da orribili spettri.

Istinto animale

Istinto animale
Istinto animale.

Le cronache di tutti i giorni ci riportano storie di donne strappate alla vita dall’istinto animale dei loro uomini, rappresentati nel carro allegorico da un grande animale, un gorilla feroce, veemente e prepotente.

Chi ha tempo…non aspetti tempo

Chi ha tempo...non aspetti tempo
Chi ha tempo…non aspetti tempo.

Il viaggio tra epoche differenti è possibile grazie a una macchina del tempo, un ingegnoso veicolo in grado di traghettare lo scienziato pazzo oltre i limiti fisici e temporali. Lo scienziato attraversa un passato “mostruosamente brutto”, rappresentato da una coltre scura di nubi, generate da ciminiere inquinanti che rendono l’aria nociva e irrespirabile.

Si…può…fare

Si...può...fare
Si…può…fare.

Alla disarmante utopia di ieri, si contrappongono oggi gli esperimenti genetici con la manipolazione del DNA attraverso i quali, oltre la delicata questione etica e morale, il rischio di generare mostri è latente. La frase “Si può fare”, allora, si carica d’inquietanti responsabilità e avvalla il sogno di onnipotenza che ancora persiste nell’uomo.

Ma quando inizia il  Carnevale di Putignano?

La coloratissima festa del Carnevale di Putignano, in Puglia, inizia esattamente il 26 dicembre e termina il martedi grasso. Nel giorno di Santo Stefano, infatti, durante la processione dei fedeli, avviene il passaggio del cero tra il Presidente del Comitato Feste Patronali e il Presidente della Fondazione Carnevale di Putignano. Una simbolica richiesta per  perdonare tutti i peccati commessi durante il Carnevale!

Il rito del passaggio del cero lascia il posto alla Festa delle Propaggini. In abiti contadini tutti si divertono a ripercorrere l’anno trascorso con simpatiche esibizioni. Dal 17 gennaio, poi, si esibiscono tutti i gruppi sociali (Monsignori, pazzi,donne sposate, ecc…) e con cadenza regolare ogni giovedì si festeggia con musica e satire divertenti. Noto infatti è il Giovedi dei Cornuti. Tutti gli uomini sposati scendono in piazza e tra loro viene eletto il “Cornuto dell’anno“.  Segue poi l’Ammasso, ovvero il taglio delle corna come rito purificatorio. 

Il 2 febbraio è la cosiddetta Festa dell’Orso, una rappresentazione teatrale in cui l’orso, pericoloso per l’uomo, ma anche amico, rappresenta l’inizio di una nuova stagione.

La conclusione delle festività coincide con il Martedì Grasso e viene celebrata col rito della “Campana dei Maccheroni“: i cittadini si radunano sotto il sagrato della Chiesa Madre e si dedicano alla festa, al ballo e al cibo durante l’ascolto dei 365 rintocchi della campana (che scandiscono i giorni dell’anno e ricordano l’inizio del periodo di penitenza).

Per saperne di più clicca qui.

Vota tu il post, prima degli altri.
Per favore attendi...